Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di Servizio Recapito Poste Italiane sul tuo sito sociale bookmarking


Cisl Vicenza denuncia il disagio delle Poste

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cisl Vicenza denuncia il disagio delle Poste

Messaggio Da Admin il Gio Giu 26 2014, 00:37


Il periodo estivo, con le relative ferie in vista, crea preoccupazione per la tenuta del servizio postale nel Veneto e in particolare nella provincia di Vicenza. E’ quanto emerge dalle dichiarazioni rese oggi da Giuseppe Ferrara, il Segretario territoriale della Cisl Poste.

Poste Italiane, nella provincia di Vicenza, opera ogni giorno su 465 zone di recapito, apre 185 uffici che offrono servizi finanziari, assicurativi e postali a centinaia di migliaia di persone. E’ un lavoro complesso e capillare che soddisfa numerosi bisogni della cittadinanza. Secondo i dati in mano al segretario Cisl, sono decine le zone scoperte dai servizi postali ogni giorno a causa della carenza di personale. Con le ferie poi questo disagio è destinato ad acutizzarsi, perché non ci saranno sostituzioni sufficienti, né impiegando il personale a tempo determinato né trasformando i part time esistenti in full time.

Inoltre, non solo postini e copertura del territorio saranno a rischio ma, prevede la Cisl, anche negli uffici postali il servizio sarà in grande sofferenza. “Nel mese di giugno – ricorda Ferrara – le scadenze fiscali hanno messo a dura prova gli uffici e i direttori spesso sono costretti ad operare agli sportelli per agevolare il flusso della clientela, trascurando così le attività commerciali.  Per garantire le ferie estive si chiuderanno gli uffici a doppio turno e in alcuni periodi anche quelli a turno unico. In questo settore le carenze si avvicinano a parecchie decine di unità”.

Sembra dunque proprio un circolo vizioso quello denunciato dalla Cisl: meno personale, meno servizi, meno qualità, con contemporanea crescita della concorrenza e perdita ulteriore di posti di lavoro.

“In questo territorio – conclude il sindacalista –  c’è ancora corrispondenza da recapitare e clientela negli uffici cui proporre servizi finanziari, non possiamo perderli per la mancanza di personale o per l’incapacità di competere sul mercato. Il nuovo Amministratore delegato, Francesco Caio, parla di 30 mila esuberi e questo ci preoccupa enormemente. Quanti di questi esuberi graveranno sulla nostra provincia già ridotto all’osso? Come terremo i servizi e i livelli occupazionali? Sicuramente noi Slp Cisl , sindacato di maggioranza, non staremo a guardare mentre il servizio viene distrutto e i colleghi mandati a casa”.
avatar
Admin
Admin

Maschile Messaggi : 83
Data d'iscrizione : 09.06.14
Età : 32
Località : Italia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum